Uscita di Gruppo - 3 Aprile 2010

Uscita di Gruppo - 3 Aprile 2010

Image
Image
Image
Image
Image
Image

Oggi ci siamo proprio tutti. Ed è proprio bello partire in 15 ciclisti, lontano da casa, per pedalare tutti insieme. 12 maglie Eurobike (+3 gradiiti ospiti) nelle strade della Maremma. Luigi il cartografo traccia un ottimo percorso e si parte tutti per il giro migliore della vacanza. Davanti i passisti a tirare, dietro la squadra C (Billy, Nello, Pedrita, Carmen e Barbara) che si nasconde per arrivare viva alla vetta. Prima di Porto S. Stefano cominciano già i primi scorci panoramici. Purtroppo a Porto S. Stefano si effettua una inutile sosta per fotografare una orribile barca destinata a finire come il Titanic. Da lì, invece, inizia la strada panoramica dell'Argentario ed è un vero spettacolo: una caletta dietro l'altra, l'Isola del Giglio ecc. Il tutto lungo una salita che non scherza proprio per niente.


Davanti, quasi sempre, Cosetta e Cosone (ops, Marcone) che vanno in fuga, tornano indietro, fanno la strada almeno due volte. Andrea qualche rara volta va avanti facendo strani esercizi (Ripetute, SFR o simili, roba da atleti veri), il più delle volte resta dietro ad aspettare gli ultimi. Desirè si nasconde, ma appena la strada sale fa capire che starle a ruota rientra nella categoria delle grandi imprese. Paolino finge stanchezza, ma in salita è sempre davanti; Beppe, Luigi, Renato si dedicano alle fotografie aspettando così la squadra C; Massimo e Pedrito fanno special assistence alle coniugi.

Dopo essersi nutriti del panorama si torna a Porto S. Stefano a nutrirsi per la prossima salita. Massimo e Barbara ci salutano; veramente da applausi la prestazione di Barbara che ha stretto i denti in pianura per tenere le ruote ed in salita per contenere il distacco. Inizia il Col du Telegraf. Qui non si scherza: sono 7 km al 7% medio, con punte al 13% e un fondo stradale che vale da solo almeno un altro 1%. Ci salvano però i panorami, veramente spettacolari. Mentre davanti, vanno in fuga Cosetta, Marcone, Paolino, Andrea e Desirè, dietro a dare spettacolo è Pedrita: nella squadra C solo Billy, sputando l'anima, riesce a tenere le ruote, mentre sia Nello che Carmen pagano pegno. Ma anche la squadra B (Luigi, Beppe, Renato, Pedrito) trema: c'è meno di un minuto di distacco. La scusa, ovviamente, sono le fotografie, ma la sensazione è che il distacco tra squadra B e squadra C sia sempre più ridotto. Arrivati in cima alla salita, Luigi e Cosetta non si accontentano e vanno ancora un po' avanti. Gli altri tornano indietro e succede un miracolo: in fondo alla discesa, insieme a Paolino, transita in testa Billy.

E' proprio un mondo all'incontrario!
Il passaggio sul punto in mezzo alla laguna è l'ultimo spettacolo della giornata, poi è un po' di traffico e la crisi finale. E' Nello in difficoltà (pare che gli sia mancata l'acqua: infatti nei giorni dopo è arrivata e lui è andato come una scheggia), atteso prima da Billy ed Andrea, poi da Renato e Beppe.
La rampa finale è oggetto di discussioni tecniche: c'è chi parla di un km al 25% e chi, più modestamente, di 200 metri al 14%. Pare che anche gli inclinometri risentano delle diverse condizioni di forma.
Il primo giorno si conclude: km.93 in 4h, media 23,2, dislivello 1.100 metri.

Scarica GPX del giro-->>

Giornata da favola, panorami straordinari, gruppo sempre compatto.
Difficile immaginare qualcosa di meglio.
Billy.


Stampa