Uscita di Gruppo - 4 Aprile 2010

Uscita di Gruppo - 4 Aprile 2010

Image
Image
Image
Image

Che si fa?
E' la domanda del mattino. Previsioni, nere, cielo nero.
Ma a mezzogiorno c'è un mega pranzo che ci aspetta: come si fa a non pedalare.

Quindi a partire sono quasi tutti. Danno forfait solo Barbara (ancora provata dallo sforzo di ieri), Pedriti Boys&Girls, Carmen. Non ho preso appunti, potrei aver fatto del casino e confuso i giorni  , ma mi pare che fossimo in 11.
Per un'oretta il cielo tiene, qualche goccia, umido, bagnato per terra, un po' di vento, ma si riesce ad andare.Il cartografo Luigi ha tracciato un percorso alternativo, senza grandi salite, ma fino a Magliano sono tutti saliscendi.


Stavolta è dura: la squadra C è quasi assente, anche perché Nello si riscatta e va addirittura all'attacco, per cui mi trovo da solo a tenere alto l'onore degli ultimi. 
Il mondo va sempre all'incontrario, per cui appena c'è una discesina allungo: si scatena la bagarre, mentre io volevo solo prendere lo slancio per la salita.
Comunque il caffettino a Magliano è ben conquistato, come anche la foto nel paesino, col fotografo che ringrazia e ci saluta portandosi via la macchina fotografica.
Ancora un po' di saliscendi e nell'ultima mezz'ora, Maremma Maiala, comincia a piovere bene.

Stavolta nessuno va in crisi, ma non è facile tenere le ruote che schizzano acqua.
Beati quelli che stanno davanti al vento.
Alla fine sono km.50 in due ore sotto la pioggia (più o meno forte) quasi continua.
Alla fine, tutti pronti per il mega pranzo.
Più duro di una Gran Fondo: 4 ore sulle forche(tte) caudine.
Complimenti a Marcone, indiscusso Re dei tavoli (si dice che abbia spazzolato tutto ciò che si trovava nei suoi pressi), ma anche il sottoscrito si è ben difeso. Complimenti ai "piccoli" Matteo e Giulia (che è riuscita a fregare il cibo dal piatto del President): degni dei loro padri.

Ma si scoprono anche i vizi di alcune fanciulle: Pedrita si ingozza al punto da sentirsi male, Carmen non smette mai di mangiare , Desirè riesce a spazzolare tutta la torta del suo tavolo (e non è facile mostrare una così valida tenuta alla distanza: venir fuori a fine pranzo è come staccare tutti sull'ultima salita, ci vuole classe e resistenza).
La domanda di tutti noi invidiosi è: ma dove lo mettono tutto quel cibo,
Maremma Maiala?


Stampa